FACCIAMO LA MODA GRANDE DI NUOVO

In moda la Settimana di Rivoluzione è un internazionale #whomademyclothes la campagna in aprile, che cade dell'anniversario del crollo di fabbrica di Rana Plaza, che uccise 1.138 persone e ferì molti altri il 24 aprile 2013. Questo è il giorno in Moda la Rivoluzione è stata nata. Durante questa settimana, le marche e i produttori sono incoraggiati a rispondere con il hashtag #imadeyourclothes e mostrare la trasparenza nella loro catena di rifornimento.

Da PHILOMENA ZANETTI crediamo nel cambiamento della moda l'industria e siamo la parte di Moda la Rivoluzione:

«Noi la gente da tutti intorno al mondo che fa la moda il lavoro d'industria. Siamo la gente che indossa vestiti. E siamo la gente che li fa.

Siamo designer, gli accademici, gli scrittori, i responsabili aziendali, i politici, le marche, i dettaglianti, marketers, i produttori, i produttori, i lavoratori e la moda gli amanti. Siamo l'industria e siamo il pubblico. Siamo cittadini mondiali. Siamo Lei.

Crediamo di una moda l'industria che la gente di valori, l'ambiente, la creatività e il profitto in misura uguale.

Vogliamo unire la gente e le organizzazioni per lavorare insieme verso radicalmente cambio in manera i nostri vestiti sono sourced, prodotto e consumato, in modo che il nostro abbigliamento sia fatto in un modo al sicuro, pulito e giusto.

Crediamo che la collaborazione attraverso la catena di valore intera — da agricoltore a consumatore — è l'unico modo di trasformare l'industria.

La nostra missione è quella di riunire tutti per fare questo avvenire.

In moda la Rivoluzione è un movimento globale che funziona tutto l'anno.

Festeggiamo la moda come un'influenza positiva anche scrutando pratiche d'industria e sollevando la coscienza della moda i problemi più urgenti d'industria. Abbiamo lo scopo di mostrare che il cambiamento è possibile e incoraggi quelli che sono su un viaggio per creare un futuro più etico e sostenibile per moda.

In moda la Rivoluzione si sforza di esser orientata all'azione e la soluzione focalizzata. Piuttosto che fare la gente sentirsi colpevole, li aiutiamo a riconoscere che hanno il potere di fare qualcosa per fare un cambiamento positivo.

Spesso ci chiamiamo “la promoda i contestatori” perché amiamo la moda e vogliamo vederlo diventare una forza per sempre.

Proviamo a essere sempre audaci, provocatori, curiosi, accessibili e tutto compreso. Tendiamo a evitare la protesta negativa, la vittimizzazione e la nomina e fare vergognare. Non poniamo società individuali specifiche come obiettivo perché crediamo che i problemi dell'industria sono più grandi che le azioni di alcuna società. Non difendiamo boicottare semplicemente perché non lo vediamo come un modo efficace di portare a termine il cambiamento sistemico."

credit: http://fashionrevolution.org/about/

 

Philomena Zanetti in moda rivoluzione